Un trapianto della doppia gamba al successo, primo al mondo | happilyeverafter-weddings.com

Un trapianto della doppia gamba al successo, primo al mondo

Procedura innovativa di trapianto ampiamente discussa

Il ricevente, identificato solo come un uomo sui vent'anni che ha perso entrambe le gambe "in alto sopra le ginocchia", è stato riferito che si è rincuorato di vedere nuove gambe quando si è svegliato dopo un intervento di 10 ore. Un coro di critici medici mette in discussione l'etica e l'efficacia della procedura.

surgery.jpg

Le gambe artificiali non sarebbero migliori?

Quasi non appena la procedura è stata annunciata, esperti medici fuori dalla Spagna hanno espresso forti obiezioni. La critica più comune della audace procedura del dottor Cavadas è stata che le gambe artificiali dovrebbero andare bene.

Il fatto è che milioni di persone usano dispositivi protesici per sostituire le gambe mancanti con grande successo. Ci sono amputati che camminano, corrono, sciano, lanciano paracadutisti e partecipano anche a gare di atletica leggera con le loro gambe artificiali. Il processo di adattamento a un arto protesico, tuttavia, è sempre pieno di difficoltà.

Uno dei problemi più comunemente trascurati dopo la perdita di un arto è la necessità di più sostanze nutritive, piuttosto che meno. Molti amputati cadono in condizioni di salute ancora peggiori a causa della richiesta da parte del corpo di proteine ​​e calorie per riparare il trauma di tutto il corpo causato dall'evento di amputazione.

Uno dei problemi più ampiamente riportati dopo la perdita di un arto è la necessità di una buona misura. Ci deve essere una presa in cui inserire la gamba. Le amputazioni a gamba alta non lasciano un moncone facilmente utilizzabile.

Oltre agli inevitabili problemi con l'allegato, ci sono anche frequenti problemi di allineamento, sospensione e usabilità. La prima protesi offerta agli amputati semplicemente potrebbe non funzionare. Tutti i problemi relativi all'utilizzo dell'arto artificiale devono essere risolti mentre il paziente sta ancora recuperando fisicamente e mentalmente dal trauma della perdita della gamba o delle gambe.

Dr. Cavadas afferma semplicemente che gli arti protesici non erano un'opzione per questo paziente e che il paziente era molto felice di ricevere il trapianto. Ogni ulteriore commento comprometterebbe la privacy del paziente. La preoccupazione per la riservatezza del paziente non ha impedito ai critici di tutto il mondo di sostenere che non era etico sottoporre questo paziente a una procedura chiaramente sperimentale, ma una domanda migliore potrebbe essere, è probabile che funzioni?

La lunga strada verso il recupero dopo il trapianto di doppia gamba

Le probabilità sono che né Cavadas né il suo paziente sapranno se il trapianto ha avuto successo per almeno 1 o 2 anni. Le "arterie" arteriose e venose delle gambe sono state collegate al corpo del ricevente durante l'intervento di 10 ore. Il collegamento delle nuove gambe al sistema nervoso centrale del paziente può richiedere diversi anni.

La ragione per cui la piena guarigione può essere molto lenta, se succede, è che i nervi crescono molto lentamente. I nervi della colonna vertebrale del paziente devono crescere nelle nuove gambe del paziente e la progressione sarà in genere di appena 1 pollice (25 mm) al mese. È probabile che la sensazione tattile e il controllo del motore vengano ristabiliti dalla parte superiore delle gambe verso il basso.

Nel frattempo, è fondamentale che il paziente venga trattato con farmaci anti-rigetto, quindi il suo sistema immunitario non distrugge le gambe come tessuto estraneo.

La procedura funzionerà? Semplicemente non lo sappiamo ancora. Le gambe reali sono preferibili agli arti artificiali? Se i nervi si rigenerano, i muscoli funzionano e il rigetto del trapianto può essere tenuto a bada, non c'è dubbio che lo sarebbero.

#respond