Arti marziali nella cultura occidentale | happilyeverafter-weddings.com

Arti marziali nella cultura occidentale

Definizione di Arti Marziali

Le arti marziali sono sistemi di pratiche codificate e tradizioni di addestramento per il combattimento. La copertura delle arti marziali coinvolge un ampio spettro di attività, tra cui tecniche di combattimento, autodifesa, sport o esercizi fisici, metodi di disciplina mentale, meditazione, sviluppo del personaggio o anche costruzione della fiducia in se stessi. In breve, oggi le arti marziali sono utilizzate per la competizione atletica, l'autodifesa, l'applicazione della legge, lo sport e di conseguenza la salute fisica e mentale.
Le arti marziali in senso lato condividono un obiettivo comune, anche se c'è sempre una comprensione e una spiritualità più profonde: sconfiggere una persona o difendersi dalla minaccia fisica. Naturalmente, quando si pratica un metodo molto comune, in particolare nelle arti marziali asiatiche, si tratta di una forma di kata. Kata è una routine di tecniche eseguite da sole o, a volte con un partner, e viene eseguita principalmente come allenamento. Naturalmente ogni stile e ogni arte marziale ha differenti sfaccettature che li rendono unici rispetto ad altre arti marziali.

Storia e concetto generale di arti marziali

Le arti marziali si sono sviluppate in paesi che sono stati storicamente isolati dal mondo occidentale: in Asia (Cina, Giappone e India).
In Cina e in India sono stati trovati reperti, che hanno più di 4000 anni: mostrano dipinti di persone che si esibiscono in pose di arti marziali. Inoltre, il Qigong è uno dei sistemi che può essere considerato un'arte marziale. Originano dalla Cina e alcuni storici ritengono che abbia più di 5000 anni. Qigong significa coltivazione energetica: è un sistema che aumenta il flusso del qi del corpo (maschio, energia attiva), che è l'energia vitale universale responsabile della salute e della forza. Questi aspetti spirituali sono presenti in ogni singola arte marziale orientale: in realtà non esiste alcun aspetto fisico, mentale o spirituale delle arti marziali: entrambi sono incorporati ed entrambi formano una specifica arte marziale. Quindi le arti marziali implicano tecniche fisiche, ma anche concetti intellettuali e spirituali. Inoltre, sono influenzati da molti dei sistemi religiosi e filosofici dell'Oriente.
Dalla Cina, le arti marziali si sono diffuse in Giappone e in altre culture asiatiche, dove sono state sviluppate molte nuove varianti. In Giappone si svilupparono sotto l'influenza del buddismo Zen e della tradizione dei samurai, che raffinò molte armi e molti metodi di combattimento. In Cina le arti marziali erano sotto l'influenza del buddismo, per il quale si crede di aver introdotto metodi di respirazione, meditazione e tecniche di consapevolezza mentale e spirituale nelle arti marziali e sotto l'influenza del confucianesimo, che si occupava di comportamento etico nella vita quotidiana.
Le arti marziali orientali erano sconosciute al mondo occidentale fino al dopo del 1945. Era il periodo in cui i veterani americani della seconda guerra mondiale venivano portati dalle arti marziali giapponesi giapponesi occupate. Tuttavia, a quel tempo le arti marziali orientali non erano così popolari come cominciarono ad essere durante gli anni '70. Ciò era in parte dovuto all'attore carismatico Bruce Lee e in parte a causa dell '"inizio dell'era dell'Acquario" e della generazione Hippy che mostravano grande interesse per tutto ciò che era orientale e spirituale. Oggi, arte marziale, incluso il ben noto Karate (forma generica giapponese di arti marziali), Thai-chi, Mau-Thai, Kick-boxing, Capoeira (arte marziale brasiliana) ecc. Ecc. hanno in gran parte fatto la loro strada verso l'America e in altre parti del mondo occidentale. In realtà, oggi l'industria delle arti marziali rappresenta l'industria da molti miliardi di dollari: le arti marziali rappresentano attività popolari per lo sport, l'autodifesa, l'esercizio fisico e la spiritualità.

Arti marziali occidentali

Tuttavia, c'è un altro aspetto delle arti marziali occidentali e della civiltà occidentale. Nonostante abbiamo più di 2500 anni di tradizione militare, siamo, rispetto ai nostri amici orientali, relativamente nuovi alle arti marziali. Un numero crescente di ricerche moderne si è incentrato sui metodi storici di utilizzo di vari tipi di spade e armi medievali e rinascimentali. Paragonando alle arti marziali orientali, le arti marziali occidentali sono anche abilità sistematiche o metodi disciplinati di combattimento ravvicinato per la sopravvivenza a corpo unico e la sopravvivenza sul campo di battaglia: tutti hanno componenti culturali, sociali, atletiche, ricreative e rituali. Tuttavia, attraverso i secoli e con il mutamento delle condizioni militari e sociali, la loro necessità marziale diminuì, e ultimamente divenne anche meno popolare che per le arti marziali orientali straniere occidentali. La storia delle arti marziali europee è strettamente connessa con lo sviluppo e le innovazioni: come sono stati inventati nuovi strumenti, così anche i nuovi metodi erano per usarli.
Con la frase "arte marziale" colleghiamo le arti marziali orientali. È interessante notare che la parola "marziale" deriva dalla frase "arti di Marte" (Marte era il dio romano della guerra). Il termine arti marziali fu usato, beh non fin dal mondo orientale, ma già nel 1550 nel manuale inglese di scherma, sebbene già dal 12 ° secolo esistessero istruttori professionisti di scherma in tutta Europa. Prima di allora venivano usate solo armi civili specifiche: erano usate primariamente per scopi militari piuttosto che per autodifesa privata e anche la scherma era l'arte militare primaria.
Le arti marziali europee (occidentali) sono ancora in qualche modo con noi oggi, anche se orientali sono molto più popolari e in qualche modo più interessanti per la nostra cultura. La verità è che la rivoluzione industriale ha spazzato via tutta la scienza che ha mentito nelle vecchie arti marziali europee. Semplicemente - non erano più necessari perché sono stati inventati metodi più efficaci per il campo di battaglia. Dai tempi degli antichi greci alla civiltà occidentale moderna c'è sempre stata una fonte di innovazioni, il che significa che i contributi europei alle arti marziali sono di vasta portata.

Per saperne di più: Diversi tipi di sport di autodifesa (arti marziali)

In conclusione

Quando si dice "arte marziale" pensiamo al karate o qualcosa che si associa alle culture dell'Asia orientale. Tutto quello che sto cercando di dire è che le arti marziali non sono affatto uniche in questa regione. Ad esempio: capoeira è un movimento atletico, creato in Brasile da schiavi basati su abilità portate con loro dall'Africa; Per esempio, i nativi americani hanno una tradizione di arti marziali a mani aperte che include il wrestling.
Le arti marziali associate alle culture dell'Asia orientale possono essere le più antiche, ma sicuramente non sono le uniche. Praticamente, ovunque un popolo vivesse, si sviluppò una sorta di arte marziale.

#respond