Le carenze di farmaci in pronto soccorso diventano critiche | happilyeverafter-weddings.com

Le carenze di farmaci in pronto soccorso diventano critiche

Negli Stati Uniti, circa 1 persona su 20 deve andare al Pronto Soccorso (ER) in un dato anno, ma c'è una crisi che si manifesta con le cure d'emergenza americane che non possono essere riparate con una sutura, una benda o un buon medico consigli.

Secondo la rivista Academic Emergency Medicine, gli episodi di carenza di droghe sono aumentati di oltre il 400% tra il 2001 e il 2014. L'elenco delle carenze di farmaci nei pronto soccorso dell'ospedale comprende:

  • Nalaxone, l'unico farmaco iniettabile per overdose da oppiacei, in forte domanda non solo nelle ER, ma per uso da parte di tecnici di emergenza e polizia.
  • Iniezioni polivalenti di antiveleno per il trattamento di morsi di serpente.
  • Hydrocodone (Vicodin) per il trattamento del dolore.
  • Aciclovir per il trattamento delle infezioni virali acute.
  • Antibiotici ad ampio spettro, usati per curare gravi infezioni batteriche durante i due giorni necessari per eseguire le colture in laboratorio per identificare i batteri specifici che causano l'infezione e il miglior trattamento per quei batteri.
  • Antibiotici "gold standard" incluso aztreonam, usati per il trattamento di gravi infezioni in pazienti allergici alla penicillina e trimetoprim / sulfametossazolo, usati per il trattamento della polmonite da pneumocystis nei pazienti con AIDS.

Tutti questi farmaci e oltre 100 altri sono essenziali per il trattamento in alcune situazioni, e non averli è una minaccia non solo per il recupero ma per la sopravvivenza stessa.

Il Dr. Jesse Pines, direttore dell'ufficio per l'innovazione della pratica clinica presso la Scuola di Medicina e Scienze della Sanità della George Washington University e autore principale di uno studio sulle cause della cronica carenza di farmaci negli ospedali statunitensi afferma che ci sono una serie di motivi i farmaci particolari possono essere a scarseggiare.

  • Il 2, 1 percento delle volte la ragione è una "decisione commerciale" da parte delle case farmaceutiche di concentrarsi sulla produzione di farmaci che sono più redditizi.
  • 4, 4 per cento del tempo c'è una carenza di materie prime.
  • Il 14, 9% delle volte la domanda supera semplicemente la capacità dell'azienda di fornire il farmaco.
  • Il 25, 6% delle volte ci sono ritardi nella produzione. Ma
  • Il 46 percento delle volte non viene fornito alcun motivo per non fornire un farmaco.

Negli Stati Uniti, la FDA ha un potere limitato per prevenire la penuria di droga. Può identificare farmaci necessari dal punto di vista medico, farmaci che svolgono un ruolo fondamentale nel trattamento della malattia per i quali non esistono sostituti. Non può costringere le case farmaceutiche a fare una droga o a produrre più di un farmaco, anche se è necessario dal punto di vista medico, e non può dire alle case farmaceutiche il prezzo da addebitare per un farmaco. Anche quando le case farmaceutiche riducono il prezzo di un farmaco, i grossisti non possono passare la riduzione del prezzo agli ospedali, e agli ospedali non si può dire quanto pagare per i pazienti. Ci sono, tuttavia, linee guida mediche su chi ottiene un farmaco che scarseggia.

LEGGI Le medicine da banco contengono pericoli nascosti

La FDA si rende conto che l'aumento della supervisione della produzione di farmaci necessari dal punto di vista medico potrebbe ottenere un risultato indesiderato. Le compagnie farmaceutiche potrebbero decidere che il costo del rispetto delle normative FDA renderebbe la produzione di un farmaco non redditizio e semplicemente si rifiuterebbe di farlo. (In altri paesi, come la Germania, questa decisione non è un'opzione.) Tuttavia, le aziende farmaceutiche in collaborazione con le autorità federali e gli ospedali spesso riescono a evitare che la carenza di droghe diventi critica.

#respond