Gli stent sono abusati per il trattamento delle condizioni cardiache croniche? | happilyeverafter-weddings.com

Gli stent sono abusati per il trattamento delle condizioni cardiache croniche?

Recentemente sono state sollevate domande sul fatto che gli stent cardiaci vengano sovrautilizzati come strategia di gestione iniziale per il trattamento della cardiopatia cronica, in particolare della malattia coronarica. I medici mettono a rischio la vita dei loro pazienti stabili quando mettono uno stent per trattare la loro condizione quando la gestione conservativa è altrettanto efficace?

open-stent.jpg

Cos'è uno stent cardiaco?

Uno stent cardiaco è un tubo a rete espandibile che viene posizionato all'interno di un'arteria cardiaca ristretta o indebolita ( arteria coronaria ) per migliorare il flusso sanguigno ai muscoli del cuore.

Chiamati anche stent coronarici, questi tubi sono generalmente fatti di metallo, anche se alcuni sono fatti di tessuto . Gli stent ad eluizione di farmaco, d'altra parte, sono rivestiti con una medicina che viene rilasciata lentamente nell'arteria coronaria per impedire che venga nuovamente bloccata.

Gli stent sono usati come scaffold per tenere aperte le pareti interne di un'arteria coronaria. Sono collocati nelle arterie durante una procedura chiamata intervento coronarico percutaneo (PCI) o angioplastica, che è simile a un angiogramma coronarico. Il PCI è fatto per trattare i pazienti con malattia coronarica i cui vasi sanguigni ai muscoli cardiaci sono bloccati, per impedire a questi muscoli di morire.

Viene spesso fatto per curare le persone che soffrono di infarto o per ridurre i dolori al petto (angina) correlati alla malattia coronarica.

Sebbene gli stent aprano le arterie bloccate e migliorino il flusso sanguigno nei muscoli cardiaci, questo non cura la malattia coronarica. I pazienti devono continuare a prendere alcuni farmaci e migliorare alcuni fattori dello stile di vita per ridurre il rischio di soffrire di infarto, una complicazione della malattia.

Rischi di posizionamento di stent

Il posizionamento di uno stent cardiaco è una procedura minimamente invasiva che non comporta incisioni maggiori e richiede solo anestesia locale con lieve sedazione. Sebbene sia generalmente considerata una procedura sicura, non è completamente priva di rischi .

Complicazioni immediate comprendono sanguinamento, battito cardiaco irregolare, danno all'arteria coronaria, infezione, reazione allergica alla tintura utilizzata durante la procedura e danni ai reni causati dalla tintura. Oltre a questi, possono anche verificarsi complicazioni ritardate .

Nell'uno-due percento dei pazienti, si forma un coagulo all'interno dello stent, che può causare restringimento o blocco completo del flusso sanguigno.

La manipolazione dell'arteria può causare lesioni alle pareti interne del vaso sanguigno, portando alla conseguente formazione di cicatrici. Questo può anche causare il restringimento dell'arteria, che potrebbe richiedere il reinserimento di un altro stent o di un intervento chirurgico di bypass coronarico. Questi eventi potrebbero portare ad un infarto o ictus se non immediatamente corretti.

Le nuove tecnologie nello sviluppo degli stent hanno portato alla creazione di stent a rilascio di farmaco, che sono progettati per prevenire la formazione di coaguli di sangue all'interno dello stent. A causa della sua efficacia e sicurezza, l'uso di questo tipo di stent è notevolmente aumentato negli ultimi anni.

Per saperne di più: Stent or Bypass: che è meglio per il trattamento della malattia cardiaca nei diabetici?

Il mercato internazionale degli stent cardiaci dovrebbe superare gli otto miliardi di dollari entro l'anno 2015.

Tuttavia, sono attualmente in fase di sviluppo ulteriori progetti di stent, compresi gli stent che possono essere assorbiti dall'organismo dopo aver svolto il loro lavoro, e gli stent in acciaio inossidabile rivestiti con platino.

#respond