Affrontare l'aborto spontaneo | happilyeverafter-weddings.com

Affrontare l'aborto spontaneo

Sintomi di aborto spontaneo

Alcune donne che leggono questo blog si staranno chiedendo se stanno sperimentando sintomi di aborto in questo momento, quindi ci occuperemo prima di tutto. I sintomi dell'aborto spontaneo possono essere molto ovvi, oppure possono essere così sottili che scoprirai la tua perdita di gravidanza all'ecografia. Ci sono circa tre possibili indicazioni di un aborto e sono:

  1. Sanguinamento vaginale e crampi (che possono seguire uno schema, proprio come le contrazioni del travaglio ma più leggere). Questa è l'indicazione più ovvia di un aborto spontaneo. La chiazza leggera, in cui una donna incinta perde solo poche gocce di sangue, spesso non significa un aborto spontaneo.
  2. Un'improvvisa mancanza dei sintomi della gravidanza che hai sofferto. Se la tua malattia mattutina, i seni teneri o la stanchezza sono finiti, questo potrebbe significare che avrai un aborto spontaneo. Certamente non è sempre così.
  3. Nessun battito cardiaco rilevato durante un'ecografia è un altro modo per indicare l'aborto spontaneo. Se l'ecografia è stata eseguita molto presto, c'è la possibilità che sia troppo presto per vedere un battito cardiaco. Oltre le otto settimane circa, un'ecografia transaddominale può solitamente rilevare un battito cardiaco. Se non viene trovato il battito cardiaco, puoi sempre chiedere al medico di eseguire un'altra ecografia in pochi giorni a una settimana, soprattutto se non sei sicuro quando hai concepito.

Perché si verificano aborti?

Fino a uno su cinque gravidanze che sono state confermate con un medico terminano in aborto spontaneo. Alcuni professionisti del settore medico ipotizzano che la metà di tutte le gravidanze siano perse, incluso l'aborto spontaneo che si verifica troppo presto perché la donna possa sapere di essere incinta. La maggior parte degli aborti avviene entro le prime otto settimane di gravidanza. Di solito, la ragione è che il feto non potrebbe mai essere compatibile con la vita. Anomalie cromosomiche e malformazioni fisiche sono le ragioni più frequenti che si verificano aborti spontanei. In alcuni casi, possono essere responsabili fattori esterni come stile di vita, un incidente o farmaci. In rari casi, gli anticorpi di una donna incinta possono iniziare ad attaccare il feto. Problemi con il rivestimento uterino o anche la forma dell'utero possono anche portare a un aborto spontaneo, e quindi c'è la possibilità di una gravidanza extrauterina che non può essere portata a termine e richiede un intervento medico per rimuovere la gravidanza. La maggior parte delle donne che hanno avuto un aborto o anche molti non scopriranno mai quale di queste cose ha causato la perdita o la perdita della gravidanza. A volte, i tessuti fetali possono essere ricercati per fornire informazioni su ciò che è andato storto. Di solito, le donne che hanno avuto un aborto riprendono a concepire e hanno una gravidanza sana.

Il processo di lutto

Il processo di lutto è diverso per tutti, ma la maggior parte delle donne che hanno un aborto sono estremamente colpite dalla loro perdita, almeno per un po '. Molte mamme iniziano a immaginare una nuova vita con un bambino non appena ottengono un test di gravidanza positivo e persino a fare preparativi pratici. Oltre al lutto per il bambino che hai già iniziato ad amare, potresti anche essere molto preoccupato per il futuro. Sarai di nuovo incinta? Avrai un altro aborto? Perché tu? Quando stai affrontando emotivamente un aborto, attraverserai le fasi del dolore proprio come faresti con qualsiasi altra grave perdita. Le fasi del dolore sono

  • Negazione e / o shock . Questa fase può durare alcuni giorni, alcune settimane o anche oltre. Sia la negazione che lo shock sono meccanismi di coping.
  • Dolore e tristezza compongono la fase successiva, dopo aver superato lo shock. Questa è una delle fasi più difficili del dolore.
  • La rabbia arriva dopo.
  • Una profonda sensazione di perdita, vuoto o depressione . Dopo un po ', quasi tutti quelli che conosci (compreso a volte il tuo partner) pensano che dovresti tornare alla normalità e dimenticare il tuo aborto spontaneo. A questo punto, puoi iniziare a sentirti vuoto o depresso, e l'entità della tua perdita si affievolisce. Potresti sentirti peggio di quando eri arrabbiato.
  • Sentirsi meglio e finalmente arrivare ad accettare quello che è successo, è l'ultimo stadio del dolore. La vita potrebbe non essere la stessa di prima, ma puoi godertela di nuovo e guardare al futuro.

Permettere a te stesso di essere triste e di piangere è cruciale per la tua guarigione. Alcune donne possono parlare al loro partner, mentre la terapia, tenere un diario o parlare con un amico sono altre opzioni. Alcune donne si uniscono anche a gruppi di sostegno per donne con aborti spontanei. Il medico sarà in grado di raccomandarne uno se ce ne sono nella tua zona.

LEGGI Conosci i tuoi fatti di aborto spontaneo?

Sto cercando di concepire dopo un aborto spontaneo

Non tutte le coppie che hanno sperimentato di recente un aborto si sentono a proprio agio nel provare a concepire di nuovo. Se lo fai, la ricerca mostra che rimanere incinta di nuovo entro i primi sei mesi dopo aver subito un aborto è molto sicuro. Statisticamente, è ancora più probabile che le altre coppie abbiano una gravidanza sana e un bambino sano. Molti operatori sanitari ti consigliano di attendere un ciclo prima di riprovare. Ciò significa che dovrai fermarti per un periodo dopo che il sanguinamento del tuo aborto si interrompe, e quindi puoi riprovare. L'attesa serve come precauzione per tutto il tessuto fetale, e se rimani incinta durante il primo ciclo di tentativi, l'età gestazionale del bambino sarebbe più facile da calcolare.

#respond