Quando la medicina naturale va male: ferita al fegato indotta dalle erbe | happilyeverafter-weddings.com

Quando la medicina naturale va male: ferita al fegato indotta dalle erbe

La medicina di erbe, per la maggior parte, è una medicina gentile. A volte, tuttavia, usare l'erba sbagliata nel modo sbagliato può avere effetti tossici non previsti, specialmente per il fegato. Qui ci sono cinque erbe da usare con cura, soprattutto se hai già una malattia al fegato.

1. Tè verde

Il tè verde non è un'erba che ti aspetteresti di trovare associata a una malattia del fegato. Dopotutto, più di uno studio ha rilevato che l'uso occasionale o moderato del tè verde migliora effettivamente la funzionalità epatica misurata dai livelli di ALT e AST (enzimi che misurano la morte delle cellule epatiche). Ci sono stati studi che hanno scoperto che bere il tè verde e / o prendere l'estratto di tè verde rallentare il processo di depositi di grasso nel fegato grasso e ridurre il rischio di cancro al fegato. Tuttavia, c'è una situazione in cui la funzione antiossidante di epigallocatechina gallato (EGCG) nell'estratto di tè verde è potenzialmente dannosa:

L'assunzione di estratto di tè verde durante il digiuno può causare lesioni epatiche.

A volte una grande dose di antiossidante diventa un pro-ossidante, un composto che fa esattamente la cosa che si intende prevenire. Questo può essere ciò che accade quando le persone prendono l'estratto di tè verde durante il digiuno. Ad aprile 2016, in milioni di utenti, sono stati registrati 27 casi di danno epatico legati agli estratti di tè verde. Tuttavia, è estremamente semplice evitare il problema. Prendere l'estratto di tè verde ai pasti.

2. Herbalife

Herbalife è un'azienda che produce una varietà di prodotti a base di erbe sorprendentemente popolari. Sebbene le vendite siano diminuite significativamente negli ultimi anni, le vendite lorde dei prodotti Herbalife hanno superato i $ 5 miliardi nel 2013 e la società ha oltre 3, 2 milioni di distributori in almeno 95 paesi e potenzialmente oltre 10 milioni di clienti.

Nell'arco di circa 10 anni ci sono state dozzine di segnalazioni di tossicità epatica dopo l'uso di prodotti Herbalife, uno in Argentina, due in Venezuela, cinque negli Stati Uniti, 12 in Svizzera, 12 in Israele e 20 in Spagna. Ci sono stati diversi casi di danno epatico acuto che ha richiesto un trapianto di fegato. Ci sono stati molti casi di danni al fegato con conseguente cirrosi con riduzione a lungo termine della funzionalità epatica. Poiché quasi tutti i consumatori che hanno subito danni al fegato stavano assumendo più prodotti Herbalife, ma non tutti hanno assunto gli stessi prodotti, era impossibile determinare quale componente di una delle formule, se il problema fosse una singola erba, fosse responsabile per danno epatico.

LEGGI Tè e caffè possono proteggere la salute del fegato

Prevedibilmente, i funzionari di regolamentazione di diversi paesi hanno sottoposto i prodotti Herbalife a un controllo approfondito. Nessun singolo agente eziologico è mai stato trovato. Quando otto degli utilizzatori di Herbalife che avevano sviluppato problemi al fegato usavano di nuovo uno o più prodotti, solo uno sviluppava nuovi sintomi di tossicità epatica. Sei degli otto, tuttavia, "potrebbero" essere stati esposti a una tossina in Herbalife. Hanno semplicemente preso così tanti altri farmaci e supplementi che è stato impossibile determinare la fonte dei loro nuovi problemi al fegato.

È altamente improbabile che Herbalife ti causi danni al fegato. Basta limitare il rischio aggiungendo un nuovo supplemento alla volta, ad esempio ogni due mesi. In questo modo tu e il tuo medico sarete in una posizione migliore per sapere cosa vi sta causando problemi in caso di comparsa di sintomi di danno epatico.