Conteggio dei globuli bianchi bassi | happilyeverafter-weddings.com

Conteggio dei globuli bianchi bassi

I globuli bianchi sono molto meno numerosi dei globuli rossi; il rapporto tra i due è di circa 1: 700. [1] È chiaro che i globuli bianchi sono molto diversi dalle altre cellule del nostro corpo. Queste cellule hanno un ruolo importante, quindi un medico desidererà spesso vedere il numero di globuli bianchi del paziente. Ma cos'è esattamente un basso numero di globuli bianchi, dal momento che questo è un risultato di test comune?

Quali sono i globuli bianchi?

I globuli bianchi sono importanti difensori contro le infezioni. [2] Un conteggio ematico viene utilizzato per contare il numero di globuli bianchi e comunica al medico quali tipi di globuli bianchi sono presenti.

Esistono diversi tipi di globuli bianchi, ciascuno specializzato nella difesa dell'organismo umano da una particolare infezione. È come avere un esercito, marina, marines e aeronautica in riserva per ogni tipo di invasione. A seconda del tipo di infezione, la marina o l'aeronautica si attiveranno.

Abbiamo un livello di riposo di globuli bianchi nel nostro sangue; qui semplicemente circolano e assicurano che il nostro corpo sia sicuro contro le infezioni. Se sviluppi un'infezione, il numero di globuli bianchi specializzati in questo tipo di infezione aumenterà improvvisamente. Se fai un esame del sangue, mostrerà un conteggio dei globuli bianchi in rilievo. Una cellula bianca diversa si presenta quando qualcuno ha, ad esempio, febbre ghiandolare o appendicite. Pertanto, un medico può dire da un emocromo bianco se si è avuto un'infezione e lui o lei ha idea di che tipo di infezione si può trattare con il tipo di globuli bianchi che è aumentato di numero. [2]

I globuli bianchi sbagliano nella leucemia. [3] Pertanto, un semplice esame del sangue elimina la preoccupazione per la leucemia se il medico la sospetta.

Diversi tipi di globuli bianchi hanno ruoli diversi. [1]

I linfociti sono un gruppo; ci sono diversi tipi di linfociti, anche se sembrano tutti uguali al microscopio.

Ciascuno di questi linfociti ha una funzione diversa da svolgere.

I tipi più comuni di linfociti sono i linfociti B, responsabili della produzione di anticorpi.

Anche i linfociti T o le cellule T sono importanti, con diversi sottogruppi di queste cellule. [4] Le cellule T infiammatorie reclutano macrofagi e neutrofili nel sito di infezione o altri danni ai tessuti. I linfociti T citotossici uccidono le cellule tumorali infette da virus e potenziali, mentre le cellule T helper aumentano la produzione di anticorpi da parte delle cellule B. Sebbene il midollo osseo sia l'ultima fonte di linfociti, i linfociti che diverranno cellule T migrano dal midollo osseo al timo, dove maturano. Entrambe le cellule B e le cellule T prendono anche dimora nei linfonodi, nella milza e in altri tessuti dove incontrano antigeni, continuano a dividersi per mitosi e maturano in cellule completamente funzionali.

I monociti lasciano il sangue e diventano macrofagi. [5] Un singolo macrofago è comunemente circondato da diversi linfociti. I macrofagi sono grandi cellule fagocitiche che inglobano materiali estranei chiamati antigeni che entrano nel corpo e anche cellule morte e morenti del corpo. I monociti e il loro macrofago e la loro progenie di cellule dendritiche svolgono tre funzioni principali nel sistema immunitario:

  • fagocitosi
  • Presentazione antigene
  • Produzione di citochine

I neutrofili sono il più abbondante (dal 40% al 75%) dei globuli bianchi. Spingono attraverso le pareti dei capillari e nel tessuto infetto dove uccidono invasori come i batteri e poi inghiottono i resti con la fagocitosi. Questo è un compito senza fine; anche nelle gole della gente sana, nei passaggi nasali e nel colon sono presenti numerosi batteri. La maggior parte di questi sono commensali e non ci danneggiano, ma è perché i neutrofili li tengono sotto controllo. Tuttavia, forti dosi di radiazioni, chemioterapia e molte altre forme di stress possono ridurre il numero di neutrofili . [6] Se ciò accade, i batteri precedentemente innocui iniziano a proliferare e le infezioni opportunistiche risultanti possono essere pericolose per la vita.

Il numero degli eosinofili nel sangue è normalmente piuttosto basso, 0-450 / μl. Tuttavia, il loro numero aumenta notevolmente nel caso di alcune malattie, in particolare le infezioni da vermi parassiti . [7] Gli eosinofili sono citotossici, liberando il contenuto dei loro granuli dall'invasore che lo uccide.

Il numero dei basofili aumenta anche durante l'infezione . [8] I basofili lasciano il sangue e si accumulano nel sito dell'infezione o altra infiammazione, scaricando il contenuto dei loro granuli, liberando una varietà di mediatori come l'istamina, la serotonina, le prostaglandine e i leucotrieni. Queste sostanze aumentano il flusso sanguigno nell'area e in altri modi si aggiungono al processo infiammatorio. Anche i mediatori rilasciati dai basofili svolgono un ruolo importante in alcune risposte allergiche come la febbre da fieno e una risposta anafilattica alle punture di insetti .